C’è grande attesa nel mondo politico per la prossima scheda elettorale: si conosce, infatti, il facsimile allegato alla legge approvata a fine ottobre, il cosiddetto Rosatellum, ma manca quella ufficiale che, come al solito, sarà fornita dal ministero dell’Interno tramite il Poligrafico dello Stato. È nei dettagli però, com’è noto, che si nasconde il diavolo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Muore Magda, gli occhi dolci di “Bianco, rosso e Verdone”

prev
Articolo Successivo

La Madia copiò, ma (ri)annuncia querele

next