E dopo i colori di Magister Giotto si dà concretezza alla luce. Su impulso di Fresu – suo il progetto e anche la scelta dei musicisti cui affidarlo – Carla Casarano (voce), Leila Shirvani (violoncello), William Greco (pianoforte), Marco Bardoscia (contrabbasso), Emanuele Maniscalco (batteria, harmonium) esplorano e danno fisicità all’inafferrabile. “Luce è suono ancor prima […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Beck sotto una buona luna non deluderà i suoi fans

prev
Articolo Successivo

Cracco tra Clint e Freud dà coraggio con le acciughe

next