È solo l’ultima tappa di un’intricata partita di potere ma il segnale è preoccupante. Il governo tedesco spinge affinché Jens Weidmann diventi il prossimo presidente della Banca Centrale Europea quando scadrà il mandato di Mario Draghi. Lo ha rivelato ieri il quotidiano spagnolo El Mundo, citando fonti Ue, aggiungendo che il piano prevede la nomina […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I conti non tornano, la rottamazione fa il bis

prev
Articolo Successivo

L’assurdo assalto alle statue di Cristoforo Colombo

next