Davanti ai conti della manovra 2018 che ballano ancora paurosamente, al ministero dell’Economia torna la tentazione del condono. Non quella di riaprire i termini di qualche sanatoria, ormai il fondo del barile è già stato raschiato con la voluntary disclosure e le liti tributarie, ma di allargare la platea dei potenziali “pentiti” ai contribuenti rimasti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ricerca, ora il ministero attinge al “tesoretto” Iit

prev
Articolo Successivo

Dopo Draghi Merkel punta a Weidmann, vice De Guindos

next