Questa è la storia di un miliardo di lire chiuso in un sacco e messo sotto terra. Soldi mafiosi tirati su a sequestri di persona e traffico di droga. Un miliardo abbandonato per oltre vent’anni fino a puzzare maledettamente e poi ripescato dal “legittimo” proprietario che ora, dopo quattro lustri di galera per mafia, vuole […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Da S. Luca al Foggiano: l’Italia che non vota mai

prev
Articolo Successivo

L’ex senatore An che bloccò Caselli favoriva il suo amico “predatore”

next