Nei tempi ruggenti delle leggi ad personam e contra personam di un Silvio Berlusconi all’apice del potere, ci fu un senatore della sua maggioranza con un passato da pm anticamorra a Napoli, che si prese la briga di scrivere un emendamento solo per stoppare la corsa di Gian Carlo Caselli verso la nomina di procuratore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il riciclatore delle vecchie lire e il miliardo che diventa euro

prev
Articolo Successivo

Lo spirito del “no” batta l’inciucio R.&B.

next