Ben 1.500 euro per un pacchetto di 30 voti, 7.500 euro per un servizio completo: 30 voti di altrettanti rappresentanti di lista, assoldati non solo per esprimere la preferenza ma anche per presidiare il seggio elettorale. Sarebbe stato questo il “tariffario” a Benevento durante la campagna elettorale per le amministrative del maggio e giugno 2016 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Perché il “Partito” cambierà pelle dopo il 30 aprile

prev
Articolo Successivo

Le battaglie di Sartori contro le leggi pericolose

next