Un ricordo non accademico di Giovanni Sartori. I movimenti e i girotondi contro Berlusconi e le sue leggi ad personam l’avevano piacevolmente sorpreso. Approvava e sosteneva. Nel 2006 avevamo finalmente sconfitto la riforma costituzionale di Berlusconi, ma il centrosinistra che aveva vinto d’un soffio le elezioni politiche batteva il passo. Nel novembre di quell’anno la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Benevento, un voto costa 50 euro. L’indagine sulla lista che ha appoggiato Mastella

prev
Articolo Successivo

Com’è finita al congresso

next