I traffici di rifiuti e di armi in Somalia su cui indagavano la giornalista del Tg3 Ilaria Alpi e l’operatore Miran Hrovatin, uccisi in un agguato nella capitale Mogadiscio il 20 marzo 1994, sono continuati anche in epoca recente, almeno fino a nove anni dopo l’attentato secondo le informazioni del Sismi, l’ex servizio segreto militare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Ulivi malati, non si può dare la colpa alla Xylella

prev
Articolo Successivo

Milano, 16enne violentata sul treno: caccia al branco

next