Se in via D’Amelio c’è stato un “depistaggio a più voci”, come hanno detto gli stessi pm di Caltanissetta, non si tratta delle sole voci del balordo Vincenzo Scarantino, e dei suoi compari Calogero Pulci e Francesco Andriotta, che furono “palesemente eterodiretti” da una regia collocata “in alto”: è la tesi dell’avvocato Rosalba Di Gregorio, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Staino torna in te, come hai potuto credere a Renzi?

prev
Articolo Successivo

Si inaugura il Tribunale di Vicenza: è abusivo

next