Grande è la confusione sotto il cielo di Unicredit. Ieri a Londra l’ad della seconda banca italiana Jean Pierre Mustier ha presentato il nuovo piano industriale al 2019 confermando che chiederà al mercato 13 miliardi di capitali freschi. Quando a ottobre lo scrisse il Fatto partirono subito gli strali dei tifosi interessati. Tutto confermato, invece, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Di quali banche parla Gentiloni?

prev
Articolo Successivo

Salerno-Reggio: tutti pronti per l’inaugurazione farlocca

next