La docente di Roma Nord assunta con la Buona Scuola arriva ogni mattina al lavoro da Vietri, Salerno: due ore di treno, mezz’ora da casa alla stazione più il traffico romano. I suoi due colleghi, anch’essi neo assunti, sposati con due figli, uno di un anno e l’altra di tre, hanno avuto come destinazioni Roma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La ministra non è laureata, ma lo scrive nel curriculum

prev
Articolo Successivo

“È l’altra madre della riforma”: promossa pure lei

next