Il Pd del Sì e quello del No: due “partiti” giunti al capolinea

Dietro i contrasti sulla legge elettorale, il vero scontro sulla mutazione genetica dell’era renzian-verdiniana

Ricordano minuscoli rintocchi funebri i colpetti che, col passare dei minuti e delle ore, Matteo Orfini dà ogni volta al microfono per avvisare che il tempo dell’intervento è scaduto. Il presidente del Pd è un Caronte inconsapevole che traghetta di qua o di là i buoni renziani e i cattivi della minoranza, in una discussione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.