verso il 23 giugno

Brexit, l’addio alla Ue che può sconvolgere il mercato del lavoro

Quelli che vogliono rompere temono la concorrenza degli immigrati. Ma la Gran Bretagna si regge sullo scambio di cittadini con il resto dell’Unione

Di Ilaria Maselli*
8 Giugno 2016

Quando si discute di Brexit – l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea – è importante ricordare che si parla di persone. Tra queste, ci sono centinaia di migliaia di italiani, spagnoli e polacchi che hanno deciso di trasferirsi a Londra e Edimburgo in cerca di un lavoro migliore, o semplicemente di un lavoro. Gli euroscettici […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui