C’erano milioni e milioni di barili di petrolio e gas, dietro gli atti firmati da Federica Guidi, quando si occupava della Legge Navale e di sbloccare i relativi 5,4 miliardi di euro. Due barili e una capanna: forse non lo sapeva, ma quel fiume di gas e oro nero era tutto nella mente del suo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Testatina 0604

prev
Articolo Successivo

Allarme Val d’Agri: “Si rischiano tumori 300 volte di più”

next