Woody, Soon-Yi (e Mia): quell’incesto a Manhattan

A New York volano stracci Usa ed Europa si spaccano. Il regista ama la figlia adottiva della sua attrice, che lo attacca. Da una parte paladini della morale, dall’altra della ‘libertà’
Woody, Soon-Yi (e Mia): quell’incesto a Manhattan

Manhattan, primi di settembre del 1996. Camminavo con mio figlio Stefano sul marciapiede ovest di Madison avenue quando all’incrocio con la 57esima andai a sbattere contro una persona che arrivava da sinistra. Era Woody Allen. Gli stava al fianco una ragazza asiatica. Lui si scusò, disse che aveva fretta, sistemò gli occhiali sul naso, prese […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.