Uccidi l’infedele, con ogni mezzo

Ieri i grandi commando organizzati, oggi i feroci lupi solitari con obiettivi e comportamenti primitivi: l’involuzione del terrore islamista ne aumenta l’impatto
Uccidi l’infedele, con ogni mezzo

Quando tutto cominciò, alla fine della seconda guerra del Golfo nel 2003, l’Occidente temeva il gas mostarda e le “bombe sporche” nucleari. Ma le armi di distruzione di massa erano una truffa anglo-statunitense, gli arsenali di Saddam non esistevano, il dittatore venne impiccato. Poi si cominciarono a temere le autobombe e le valige piene di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.