“Stavo ascoltando musica, poi ho sentito il boato”

25 vittime - Lo schianto tra due convogli sulla tratta a binario unico tra Corato e Andria. I corpi estratti dalle lamiere, i feriti sbattuti fuori e finiti nei campi tra gli ulivi

Avevo le cuffiette, sentivo la musica, poi.. all’improvviso, un boato e l’inferno. Ho visto gente che moriva”. È una ragazzina bionda, con la coda di cavallo e pantaloncini da mare, a raccontare l’apocalisse dalla quale è uscita miracolosamente indenne. Sono le 11 in punto, su quel binario unico tra Corato e Andria, al confine tra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.