Spara e mettiti in posa: l’ordinario “Safari” della borghesia animale

La versione di Ulrich Seidl
Spara e mettiti in posa: l’ordinario “Safari” della borghesia animale

Quando arriva Ulrich Seidl la provocazione è garantita. Accadeva ieri al Lido con la proiezione fuori concorso di Safari, il nuovo film documentario del regista austriaco di culto che stavolta prende di mira i cacciatori. Ma attenzione, non i rampolli di un’aristocrazia decadente, bensì anonime famiglie medio-borghesi del suo Paese e della limitrofa Germania che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.