Se Lama non l’amava nessuno, chi amerà in futuro Matteo Renzi?

La trasformazione della sinistra nel ventennale della scomparsa del dirigente Cgil

Per ricordare chi sia stato Luciano Lama, ex segretario della Cgil, il più importante dopo Giuseppe Di Vittorio non serve scomodare il ‘77 e La Sapienza. Allora, l’uomo di cui ricorreva ieri il ventennale dalla morte, scelse la linea più burocratica e rigida rispetto a un movimento anomalo, quello studentesco, che non accettò il suo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.