Roma, il pugno duro di Grillo. Lombardi costretta all’addio

Il garante e il Direttorio del M5s impongono le dimissioni alla deputata, in guerra con la sindaca Raggi: “Basta scontri, nella Capitale ci giochiamo il governo”
Roma, il pugno duro di Grillo. Lombardi costretta all’addio

L’hanno spinta al passo indietro, l’hanno “dimissionata”. Lui, Beppe Grillo, il garante. Assieme ai big del Direttorio, con in prima fila Luigi Di Maio. Compatti nello scegliere una soluzione drastica perfino per Roberta Lombardi, deputata di peso, e fedelissima del fondatore. Perché la partita della Capitale può essere il lasciapassare per salire al governo. E […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.