Roma-Firenze 1993. Era di maggio e sappiamo perché

Roma-Firenze 1993. Era di maggio e sappiamo perché

Il botto sventrò Firenze all’1 e 04 del 27 maggio 1993. I primi ad arrivare in via dei Georgofili videro un ragazzo avvolto dalle fiamme che gridava affacciato a una finestra: “Ricordo che urlava, poi ci fu una fiammata e sparì”, dettò a verbale l’ispettore di polizia, Michele Perini. La strada era divisa in due […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.