Roma-Firenze 1993. Era di maggio e sappiamo perché

Di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza
13 Maggio 2018

Il botto sventrò Firenze all’1 e 04 del 27 maggio 1993. I primi ad arrivare in via dei Georgofili videro un ragazzo avvolto dalle fiamme che gridava affacciato a una finestra: “Ricordo che urlava, poi ci fu una fiammata e sparì”, dettò a verbale l’ispettore di polizia, Michele Perini. La strada era divisa in due […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui