Ristorante in casa, Antitrust smonta i paletti della legge

La norma, votata dalla Camera, imponeva forti limiti: massimo 500 coperti l’anno, iscrizione su una piattaforma web e pagamento con moneta elettronica
Ristorante in casa, Antitrust smonta i paletti della legge

“La legge sugli home restaurant è discriminatoria e limita la concorrenza”. Quello emesso il 30 marzo dall’Autorità garante del mercato, l’Antitrust, è un parere che sorride al mondo dei cuochi casalinghi, perché suona come una bocciatura totale delle forti restrizioni votate a gennaio dalla Camera dei deputati, su proposta della maggioranza. Ora il testo deve […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.