Reddito d’inclusione: prende ai poveri per dare ai poveri

Il premier annuncia le nuove misure per la lotta alla povertà, ma sono soldi già stanziati (con nome diverso) e coprono 400 mila famiglie di indigenti su 1,6 milioni
Reddito d’inclusione: prende ai poveri per dare ai poveri

Togliere ai poveri per dare ad altri poveri. È il nuovo gioco delle tre carte varato ieri dal Consiglio dei ministri. La scatola presentata si chiama “Sostegno alla povertà”: si prende la carta Sia (Sostegno all’inclusione attiva) e la carta Asdi (Assegno sociale di disoccupazione), si mescolano sul tavolo della legge di Stabilità e poi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.