Quel pasticciaccio brutto delle otto tele finite a Belgrado

Quel pasticciaccio brutto delle otto tele finite a Belgrado

L’Alta corte serba ha respinto la rogatoria sui dipinti di Tiziano, Carpaccio, Canaletto e altri classici che si trovano al museo nazionale di Belgrado. Con argomentazioni definite da fonti italiane “originali”, sostiene che non si può applicare la convenzione sul reimpiego e il riciclaggio richiamata dalla procura di Bologna. Cosa c’entra Bologna con otto antiche […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.