Piombino, Rebrab non mantiene le promesse. A rischio 2200 operai

Oggi vertice decisivo al Mise. L’algerino non ha mai presentato il piano per rilanciare l’ex Lucchini rilevata dallo Stato

L’impressione è che l’incontro di oggi sarà decisivo – nel bene o nel male – per il futuro di Piombino. Al ministero dello Sviluppo economico sarà presente Carlo Calenda con i sindacati e con i rappresentanti della Cevital, società dell’algerino Issad Rebrab che due anni fa si è impegnato a riconvertire l’acciaieria ex Lucchini e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.