Perugina & gelati: il Bacio amaro di Nestlè ai lavoratori in Italia

La multinazionale s’era impegnata per investire 60 milioni, invece 800 esuberi tra San Sisto, Motta e Gelateria del Corso

Un futuro per niente dolce si prospetta per molti dipendenti italiani di Nestlé. La multinazionale svizzera sta mettendo in atto un’operazione che prevede la chiusura di alcuni uffici e stabilimenti e la riduzione di personale in altri. Il risultato, secondo le prime stime della Flai Cgil, potrebbe tradursi nella perdita di 800 tra i 5.500 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.