Per gli immigrati serve il salario d’ingresso ridotto

Chi sbarca senza diritto d’asilo resta in una zona grigia di sottoproletariato. Che si può far emergere, con contratti e paghe ad hoc
Per gli immigrati serve il salario d’ingresso ridotto

Consideriamo alcuni fatti incontrovertibili: i migranti subsahariani sono la maggior parte del totale che oggi giunge in Italia, pochi hanno diritto di asilo, sono prevalentemente privi di professionalità, non sanno l’italiano e soprattutto sono giovani. Noi abbiamo una alta disoccupazione giovanile (pur con livelli di istruzione di standard europeo), e una struttura produttiva anch’essa di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.