“Per fare impresa sono stato un fuorilegge”

“Per fare impresa sono stato un fuorilegge”

Mattei perché ha voluto fare il nostro incontro dall’alto del grattacielo di Metanopoli? Biagi così comprenderà meglio le mie parole. Questa è la pianura lombarda: trecento ettari sono nostri. Ho cominciato pagando il terreno 460 lire al metro, senza dire nulla a nessuno, non volevo correre rischi. Adesso ne vale cinquantamila. (…) L’hanno accusata di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.