» Politica
giovedì 07/09/2017

Rai, Orfeo scopre le carte (false): la tv pubblica fa fuori la Gabanelli

Proposta inaccettabile: condirettore di RaiNews e capo di un sito inutile. Campo Dall’Orto le voleva dare tutto il settore digitale ma il progetto è stato prima frenato e poi completamente bloccato

Rottura tra Milena Gabanelli e la Rai. In un incontro andato in scena nella serata di ieri con Mario Orfeo, la giornalista ha rifiutato la proposta, inaccettabile rispetto alle premesse, emersa durante la giornata nel corso del consiglio di amministrazione (su iniziativa di Carlo Freccero), e che il direttore generale furbescamente aveva fatto propria. Ovvero la condirezione di Rainews (a fianco del direttore Antonio Di Bella) con la delega per lo sviluppo web e la gestione del piccolo sito della testata. Questo è ciò che Orfeo ha messo sul piatto in quello che è sembrato un estremo e fasullo tentativo per mantenere Gabanelli in Rai. L’ideatrice di Report è stata costretta a rifiutarlo, mettendo Orfeo davanti a una sorta di aut aut: o si torna al progetto originario per il quale era stata chiamata a Viale Mazzini lo scorso febbraio oppure sarebbe pronta ad andarsene. Non c’è altra scelta possibile e l’ufficialità arriverà inesorabilmente nelle prossime ore.

La giornalista, dunque, ha detto no a un progetto che, rispetto a quello che doveva essere il nuovo grande portale Rai24.it, appare di serie B: andare a fare da condirettore a Di Bella, con una squadra di una ventina di persone al massimo non scelte da lei, per cercare di rilanciare un sito, Rainews.it, che raggiunge a malapena i 100mila utenti unici al giorno. Un brand fallimentare su cui nessuno, finora, ha osato mettere la faccia e tentare un rilancio. A quanto si apprende, Gabanelli ha chiesto a Orfeo di partire subito con il portale su cui ha lavorato negli ultimi sei mesi. Altrimenti è pronta a fare le valigie e migrare altrove.

Gabanelli, infatti, da maggio attende di partire con il nuovo portale d’informazione che, nel progetto dell’ex dg Campo Dall’Orto, prevedeva una squadra di oltre 80 giornalisti a pieno organico, di cui una sezione specializzata in inchieste e una in data journalism. Progetto che, partito in pompa magna al suono delle trombe del “digital first” dell’ex direttore generale, è stato prima frenato e poi completamente bloccato. Per due motivi: da una parte l’opposizione alla creazione di una nuova testata, con un nuovo direttore (la stessa Gabanelli) quando l’ordine di servizio a Viale Mazzini è quello invece di ridurre e accorpare le testate già esistenti; dall’altra, il fatto che il nuovo portale debba rientrare all’interno della riforma complessiva dell’informazione Rai che, dopo la bocciatura del piano di Carlo Verdelli nel gennaio scorso, il nuovo dg non presenterà prima della fine dell’anno. Che significa dover aspettare altri mesi.

Supercazzole, insomma. Non il massimo per una professionista che lo stesso Orfeo ha più volte definito “una delle risorse più importanti per l’azienda”. Così, Gabanelli è stata messa in naftalina: la redazione c’è, l’aspetto grafico e tecnico del sito è pronto, ma non può partire. Da qui, di fronte al suo crescente nervosismo, Gabanelli ha chiesto al dg di stralciare il progetto web: far viaggiare Rai24.it su un binario diverso rispetto a quello del piano informazione, in modo da far partire subito il portale e andare on line. Ma la maggioranza del Cda e lo stesso Orfeo le hanno risposto picche. “Il web sarà una parte fondamentale della nuova informazione Rai, non può essere stralciato dal piano generale”, ha fatto sapere il nuovo dg. Così è arrivata la controproposta: la condirezione di Rainews (quindi un gradino in più rispetto al suo status attuale di vice direttore con cui è stata assunta a Viale Mazzini) e la possibilità di sviluppare subito il progetto con il sito di Rainews.it.

Le indiscrezioni, poi, raccontano anche altro. Per esempio la poca disponibilità da parte delle redazioni a cedere giornalisti alla nuova testata, trovando in questo una sponda eccellente in Monica Maggioni: la presidente della Rai non è mai stata una fan del progetto e della creazione di questa nuova testata. Anzi, si può dire che le abbia fatto per mesi una guerra aperta. Dentro e fuori Viale Mazzini. D’altronde poi, come accade sempre in Rai, c’è di mezzo anche la politica. Per cui si vocifera di una certa preoccupazione ai vertici del Pd per la nascita di un sito guidato dalla giornalista d’inchiesta. Insomma, secondo i boatos di Viale Mazzini, al Nazareno si teme che un Report quotidiano formato web diventi una pericolosa mina vagante nella stagione in cui si voterà per le Politiche. Anche per questo, si dice, il verde sul semaforo per Rai24.it non si è mai acceso. E mai si accenderà. Campo Dall’Orto è stato mandato, con l’aiuto della Maggioni, proprio perché all’improvviso si è scoperto poco renziano per i renziani (e il capo Matteo), come potrebbe Orfeo tradire il mandato per cui è stato chiamato sulla poltrona più alta dell’azienda?

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Al posto di Errani

Paola De Micheli nuovo Commissario per il terremoto

Paola De Micheli succederà a Vasco Errani nel ruolo di commissario straordinario alla ricostruzione delle aree colpite dal terremoto del Centro Italia del 2016. La nomina, secondo quanto riferito da fonti parlamentari, dovrebbe essere ufficializzata nei prossimi giorni. De Micheli, deputata del Partito democratico, è sottosegretario all’Economia. Nel ruolo di commissario straordinario alla ricostruzione, prenderà il posto di Errani che ha deciso di lasciare l’incarico alla scadenza del primo anno di mandato, esattamente il 9 settembre. Da sempre vicinissima a Enrico Letta (tanto è vero che sostenne Bersani nelle primarie del 2012), la De Micheli è entrata al governo con Renzi.

Arrivata alla Camera nel 2008 per la prima volta è stata componente della Commissione “Bilancio”. È stata rieletta alla Camera dei Deputati alle elezioni del febbraio 2013, e nominata vicecapogruppo vicario del Partito democratico a Montecitorio. Dal 10 novembre 2014 è al governo, ha proseguito anche dopo la caduta dell’esecutivo renziano.

Politica
Ingaggi milionari

Il Cda dà l’ok a Fazio. Fico: “Compensi alti, colpa del governo”

Alla fine hanno vinto loro , gli artisti, quelli che continueranno a sforare il tetto dei 240.000 euro l’anno di compenso in Rai fissato dal governo. Il Consiglio di amministrazione della televisione ha approvato ieri all’unanimità l’accordo con Fabio Fazio, per un costo complessivo di 11,2 milioni di euro nei prossimi quattro anni. L’intesa vale per la produzione della nuova stagione di Che tempo che fa?, in onda per 32 prime serate e altrettante seconde serate a partire dal prossimo 24 settembre. Fazio, attraverso la sua società L’Officina, ha ottenuto la produzione del programma insieme a Magnolia e porterà lo show su Rai Uno.

Sul maxi-stipendio di Fazio, seppur ridotto di circa 800.000 euro rispetto all’accordo precedente rispetto al numero di puntate, è intervenuto Roberto Fico, Presidente della Commissione Vigilanza sulla Rai: “Se questi personaggi sono considerati artisti, allora non ospitino più interviste politiche”, ha detto, riferendosi anche a Porta a Porta di Bruno Vespa.

Sul tema ha chiesto chiarimenti anche l’Anac,c he ha inviato una lettera alla Presidente della Rai Monica Maggioni.

La Cattiveria

La Cattiveria del 07/09/2017

Commenti

Milena Gabanelli, la sua libertà spaventa l’azienda

“Votavo B. e ora Di Maio mi candida in Basilicata”
Politica
L’intervista

“Votavo B. e ora Di Maio mi candida in Basilicata”

di
La leghista con la pistola non ama le critiche
Politica
Il personaggio

La leghista con la pistola non ama le critiche

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 21 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×