Non solo “lavoretti”: l’indotto reale dietro i giganti del digitale

Le agenzie di servizi lavorano sulle case di Airbnb, Uber & C. fanno accordi con assicurazioni e aziende automobilistiche. E i costruttori vendono anche in bitcoin
Non solo “lavoretti”: l’indotto reale dietro i giganti del digitale

Roma: Nakul Sharma, 33 anni è di Mumbai ma per anni ha studiato in Irlanda, allo Shannon College of Hotel Management. Nella sala degli Affreschi di Palazzo Fiano in piazza San Lorenzo in Lucina, l’ex sede di Forza Italia, si guarda intorno calmo: sta per presentare l’arrivo della sua startup in Italia. Accanto a lui, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.