“Noi prigionieri e la tragedia dei nemici”

Dacia Maraini - La scrittrice nel 1945 era internata a Tokyo con la famiglia
“Noi prigionieri e la tragedia dei nemici”

Liceo Volta di Ortona in Abruzzo, gli studenti incontrano Dacia Maraini, la scrittrice e poetessa che nel 1943 insieme alla sua famiglia venne internata in un campo di concentramento a poche centinaia di chilometri da Hiroshima. Si erano rifiutati di aderire alla Repubblica di Salò e lei, bambina di 7 anni, visse quella storia che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.