Nessuna ricerca, nessuno stile: come la narrativa italiana sta per affondare

Testimonial delle major pompano soliti nomi, o nuovi su cui hanno puntato
Nessuna ricerca, nessuno stile: come la narrativa italiana sta per affondare

Ci voleva Lorenzo Tomasin, giurato del Campiello, a ufficializzare l’affondamento della feluca chiamata narrativa italiana. “Sbroccamento” che è diventato una specie di ouverture al prestigioso riconoscimento ospite del Teatro La Fenice. O la lapide su un tempo morto e epocale che pretende il cambiamento, non solo in politica evidentemente. E non lo dice il catastrofista […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.