/ di

Veronica Tomassini Veronica Tomassini

Veronica Tomassini

Scrittrice e giornalista

Non sono veramente siciliana perché ho origini umbre e anche abruzzesi. Ma ibridamente vivo in Sicilia. Sono una slavofila, ho pianto fino a rovinarmi gli occhi sulla fine di Perhan, il rom de Il Tempo dei Gitani di Kusturica. Sono una scrittrice (forse), ho esordito con il romanzo “Sangue di cane”, Laurana editore, nel 2010. Amo le ambientazioni suburbane, le storie intestine e periferiche; prediligo gli antieroi , gli immigrati, i vuoti a perdere, i profeti delle panchine. Tutto sommato lo sono anch’io, nell’insieme. Vorrei raccontarvi di loro in effetti, da qui in avanti. Di recente ho partecipato al Dizionario Affettivo di Matteo B.Bianchi, un mio racconto è presente nell’antologia edita da Transeuropa, “Love out”, mentre per la collana digitale Zoom di Feltrinelli nel luglio 2012 è uscito il mini-ebook dal titolo “Il polacco Maciej”. Ho collaborato con la Scuola Holden nell’ambito di un progetto editoriale. Alcuni scritti sono comparsi in diverse riviste letterarie. Collaboro con Il Fatto Quotidiano. Vorrei parlarvi di marginalità, da qui in avanti, una specie di diario di un povero, di un alienato, un borderline. Ma non solo.

Non vorrei aggiungere la mia età, tanto non la dimostro. 

Altre notizie le trovate qui

@VTomassini

Articoli In Edicola di Veronica Tomassini

Cultura - 15 Febbraio 2019

Sesso, droga e suicidio al tempo di Mazzarrona

Pubblichiamo alcune pagine del nuovo romanzo di Veronica Tomassini, “Mazzarrona” (Miraggi edizioni), in libreria dai primi di marzo e presentato al Premio Strega 2019. La città oltre Mazzarrona era un affare di luci e possibilità, di uomini migliori, secondo la nostra nostalgia, dei compagni della valle, di Mazzarrona, una nostalgia pigra e sfuggente che non […]
Cronaca - 6 Febbraio 2019

Quando i migranti venivano dall’Est e morivano invisibili

Siracusa impregnata di tristezza civica: è una bella immagine e anche nuova per me. Merito della Sea Watch. Riflessione che resta come una suggestione irritante, in metafora: l’onda prodiera suscitata dalla nave della Ong, in rada nel porto di Catania. Sugli indignati “da combattimento” di Siracusa, la città in cui vivo, avrei qualcosa da dire. […]
Cronaca - 30 Gennaio 2019

Lo strano risveglio della città che ingoia tutto

La Sea Watch a Siracusa ha ingenerato uno splendore classico senza precedenti, per cui a un certo punto, a seguire la proda della nave, ferma a qualche centinaio di metri dalla costa, si è più o meno tutti finiti a convenire in una elegia collettiva. Siracusa si riscopre affetta dalla medesima tristezza civica di Stepàn […]
Italia - 29 Dicembre 2018

Il terremoto ha i suoi Ultras

Irina Fanaloff, ucraina di Kiev, è residente a Roma, scrive nel suo profilo Facebook a poche ore dal terremoto siciliano: “Per le prossime scosse, speriamo cadano tutti i ripetitori delle compagnie telefoniche, devono morire chiedendo aiuto, sti fetosi”. Fetosi è un lemma davvero grazioso, empatico, da slang. Brava Irina, ci sei piaciuta. E non hai […]
Mondo - 20 Dicembre 2018

Albania, la rivoltà è studentesca

Julian Zhara è un poeta albanese, la rivoluzione degli studenti a Tirana, arriva in Italia attraverso la sua voce, benché Julian risieda a Venezia. Il movimento pacifico, inclusivo, apartitico che sta occupando il Boulevard dei Caduti per la Patria davanti al Parlamento, nella Capitale, nasce nelle università, il 4 dicembre scorso. Tutti i dipartimenti delle […]
Italia - 27 Settembre 2018

Lutti, separazioni, sfighe. Gli ospiti della disgrazia

Quando Lory Del Santo, durante l’intervista televisiva a Verissimo, annuncia la morte del figlio, morte non naturale, dunque un suicidio, lo sgomento inenarrabile ha investito probabilmente molti di noi. L’irreparabilità di una tragedia così imperscrutabile avrebbe preteso un silenzio definitivo. Se ci lasciassimo tentare dal giudizio potremmo persino aggiungere: perché dirlo? Perché in un’intervista? Ma […]
Cultura - 9 Settembre 2018

Natascha Lusenti, dal microfono al romanzo con promessa di felicità

Leggendo il romanzo d’esordio di Natascha Lusenti, voce molto amata di Radio 2 Rai (per intenderci, la voce dell’alba, di “Risvegli”), scopriamo prima ancora che l’autrice, la profondità e la delicatezza della donna. Il romanzo esce per Garzanti, “Al mattino stringi forte i desideri”, e sembra, leggendo la nota critica in bandella, che questo passaggio […]
Cultura - 29 Agosto 2018

Gli amori difficili di Mademoiselle affacciata sul mare

La primavera torna sempre. Sparissero pure tutte le rondini del cielo. Aveva scoperto un nuovo angolo da cui osservare qualcosa, l’indefinibile che l’afferrava simile a un conto in sospeso con l’incognita, l’incognita le era ostile, l’incognita era un giorno di dicembre, una mattina di pioggia, la porta che si chiude. L’uomo la saluta, va via. […]
Società - 21 Agosto 2018

C’è vita nel triangolo della morte di Priolo: cento tartarughine

Sembrerebbe che nell’eterno contendere, bene e male, vinca sempre la vita. Prendiamone atto. Così succedono i miracoli, in un giorno d’agosto, l’11 per l’esattezza. I miracoli succedono in una spiaggia siciliana, la spiaggia di Priolo Gargallo (Siracusa). Il sole brucia, il cielo è gravido di umidità e alterna nubi e gas dalle ciminiere che si […]
Cultura - 5 Luglio 2018

Nessuna ricerca, nessuno stile: come la narrativa italiana sta per affondare

Ci voleva Lorenzo Tomasin, giurato del Campiello, a ufficializzare l’affondamento della feluca chiamata narrativa italiana. “Sbroccamento” che è diventato una specie di ouverture al prestigioso riconoscimento ospite del Teatro La Fenice. O la lapide su un tempo morto e epocale che pretende il cambiamento, non solo in politica evidentemente. E non lo dice il catastrofista […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×