“Mancano i mandanti occulti. Rifate il processo Mormile”

Trattativa - L’educatore carcerario di Opera fu assassinato nel 1990. Per la prima volta si sentì parlare di “Falange armata”
“Mancano i mandanti occulti. Rifate il processo Mormile”

Mafiosi e spioni deviati. I primi: esecutori e mandanti, i secondi: suggeritori, interessati a tal punto da diventare loro stessi mandanti. Questo il quadro nel quale sarebbe maturato l’omicidio di Umberto Mormile, educatore penitenziario nel carcere di Opera a Milano. A sostenerlo il fratello Stefano che due giorni fa, con il supporto dell’avvocato Fabio Repici, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.