L’isola del non arrivo. Un luogo per salvarsi o morire

La storia di Lampedusa: un fenomeno lontano che diventa razzismo
L’isola del non arrivo. Un luogo per salvarsi o morire

Impossibile immaginare quanto sia piccola Lampedusa, quanto sia lontana da ogni costa italiana, quanto sia sperduta nel mare. Guardandola dall’aereo che si avvicina e si abbassa, non riesci a renderti conto della natura quasi mistica di questo luogo che, nell’avventura tragica, vorticosa prevista da nessun esperto e affrontata da nessun governo, è un estremo luogo […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.