» Politica
giovedì 24/08/2017

L’eurodeputata M5S e quegli “scontrini” su cui indaga la Gdf

Rimborsi - L’esposto di un’associazione abruzzese solleva dubbi sull’uso dei fondi di Strasburgo da parte della grillina Daniela Aiuto

La Guardia di Finanza sta effettuando verifiche e accertamenti su documenti e fatti segnalati dall’Associazione “Osservatorio Antimafia” che tirano in ballo l’eurodeputata del M5S, Daniela Aiuto, ma che potrebbero allargarsi al gruppo degli eurodeputati 5 Stelle a Strasburgo per la gestione dei loro rendiconti al Parlamento europeo.

In sostanza, presunte irregolarità riguardo ai famosi “scontrini”. Nell’esposto (e nei suoi allegati) firmato dal presidente dell’associazione Stefano Moretti, vengono però riportati documenti relativi solo all’eurodeputata Aiuto: dai rimborsi dei Fondi 400 per l’attività politica a quelli per le spese mediche e di altro tipo, che a detta di Moretti potrebbero presentare condotte contrarie alla legge. La finanza, come detto, sta procedendo agli accertamenti e ha ascoltato diverse persone coinvolte, compreso un ex collaboratore della diretta interessata.

Ma quali sono le questioni al vaglio della finanza? C’è il conto da saldare di un ristorante per un evento tra quelli per cui è possibile chiedere il rimborso al Parlamento europeo grazie ai Fondi 400. Si tratta di soldi destinati alla promozione dell’attività politica del gruppo Efdd dell’Europarlamento, quello di cui fa parte il M5S presieduto da Nigel Farage: quei fondi rientrano nell’esclusiva disponibilità del gruppo parlamentare e non possono essere gestiti dai singoli eurodeputati, i quali possono però richiederne l’utilizzo per i fini previsti nel regolamento, rispettando la procedura interna certificata da un sistema di auditing.

L’esposto, però, adombra il sospetto che “il costo reale dell’evento non sia stato quello fatturato”, e quindi rimborsato, “e che questa differenza sia stata scalata da altre somme dovute” che non sarebbero potute essere rimborsate. È solo un caso. Anche un altro evento, in un secondo ristorante, è finito nel mirino del documentato di Moretti: una cena a cui avrebbero dovuto partecipare circa 45 persone, ma a cui – l’ha confermato lo stesso titolare del locale – sarebbero state presenti al massimo in 15-20. La fattura è ovviamente per 45, come da prenotazione, ma – si legge nell’esposto – oltre al preventivo “il Regolamento dell’Europarlamento prevede che affinché si proceda al rimborso è necessario presentare la lista dei partecipanti e documentazione fotografica dell’evento”, dunque “sorge naturale chiedersi e verificare quale lista sia stata presentata” (se i presenti erano 15-20) e anche sapere chi è stato fotografato come partecipante all’evento.

E ancora: in una cena organizzata a Monteodorisio, in provincia di Chieti, che è sempre tra quelle presentate come eventi da rimborsare con i Fondi 400, secondo l’esposto diverse persone presenti nella lista consegnata per ottenere il rimborso non erano presenti. Il Fatto ha provato a contattare alcuni nominativi della lista, senza ricevere risposta.

Non di sole cene si occupa Osservatorio Antimafia. Ci sono anche i rimborsi chilometrici. Il Parlamento europeo rifonde gli spostamenti che gli eurodeputati effettuano nei giorni in cui svolgono attività sul territorio nazionale: per avere indietro i soldi spesi, gli eurodeputati devono dichiarare i chilometri effettuati, quale tratta hanno percorso e con quale autovettura. Nei documenti esposti, la Aiuto avrebbe presentato delle dichiarazioni contraddittorie: secondo quanto denunciato dall’esposto, infatti, nell’estate di un anno fa (precisamente dal 22 agosto al 16 settembre) l’auto citata nella dichiarazione di Aiuto era dal meccanico.

E infine: i parlamentari europei hanno anche diritto al rimborso delle spese mediche. Tra gli allegati, figura il documento di un ottico nel quale “pare sia stata fatta una fattura e un rimborso per una prestazione o acquisto del padre dell’eurodeputata, cosa che non sarebbe prevista dal regolamento Ue”.

Il Fatto ha contattato più volte Daniela Aiuto per ottenere la sua versione dei fatti e anche altri suoi colleghi del Movimento, chiedendo se fossero disponibili a rispondere sulle loro rendicontazioni. Una serie di domande – dopo un contatto telefonico con l’ufficio stampa – è stata inviata via email all’eurogruppo del M5s: ad oggi non abbiamo ancora ricevuto risposta.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica

Primarie 5Stelle: online e forse a doppio turno

Politica

Il Sinodo valdese apre su eutanasia e coppie gay

Il Pd a Torbella: “Mai visti da queste parti”
Politica
La segreteria

Il Pd a Torbella: “Mai visti da queste parti”

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×