Lavoro e grandi opere, Tajani guida la rivolta del Partito degli Affari

Novità - La visita del forzista e Chiamparino al cantiere Tav è un segnale. Ma i costruttori non sono soli all’opposizione: industriali, Confcommercio, pure Cairo schiera il “CorSera”
Lavoro e grandi opere, Tajani guida la rivolta del Partito degli Affari

Quando il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani è andato sui cantieri dell’alta velocità Torino Lione e ha indossato quel caschetto bianco si è messo alla testa di un partito vasto, eterogeneo e in cerca di un leader: il partito degli scontenti, o il partito degli affari, come lo chiama già qualcuno. Subito si è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.