La casa di carta, rabbioso realismo di un Paese vitale

La serie rivelazione, nata nella Spagna di questi anni, è un mix di commedia e dramma, eccesso e rigore in cui non si racconta di una rapina, ma di una rivoluzione
La casa di carta, rabbioso realismo di un Paese vitale

Scrive la Treccani: “Glocal, di atteggiamento, politica, visione, che si concentra contemporaneamente sulla dimensione globale e su quella locale”. È l’aggettivo che viene in mente pensando a La casa di carta, la serie spagnola cresciuta fino a diventare quella non in lingua inglese più vista della storia di Netflix, dove sono visibili le prime due […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.