La belva del nazionalismo si è svegliata. Ora chi la doma?

Dietro l’ondata recente di anti-europeismo e il voto sulla Brexit c’è il ritorno di pulsioni che i grandi progetti del Novecento avevano sopito, ma non sconfitto. E non ci sono più grandi idee sovranazionali con cui contrastarle
La belva del nazionalismo si è svegliata. Ora chi la doma?

Se un fantasma si aggira per l’Europa, non è quello del populismo, come tutti temono, ma un suo compare più insidioso e potente, che si chiama nazionalismo. È lui che muove la maggior parte delle inquietudini dell’Europa unita e dei Paesi che la circondano. Ha fatto capolino anche nel referendum britannico sulla Brexit, dove una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.