Jobs Act, niente contratti più corti e risarcimenti più alti per i cacciati

Via gli emendamenti per ridurre a due anni il lavoro a termine e innalzare a 8 mensilità l’indennità per chi viene licenziato

Nella legge di Stabilità non ci sarà spazio per ritocchi al Jobs Act. Ieri è sfumata la possibilità di modificare, attraverso emendamenti alla manovra, le regole sui contratti a tempo determinato e sui risarcimenti per i licenziamenti ingiusti. Il Pd aveva pensato di intervenire su queste materie per cercare la sponda a sinistra. Dato però […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.