In morte degli investimenti pubblici: la ricetta suicida seguita dai governi italiani

A noi mancano 7 punti di Pil rispetto al periodo pre-crisi, Berlino è cresciuto del 9,4% e ha aumentato i fondi per le opere del 37%. Roma li ha ridotti del 26
In morte degli investimenti pubblici: la ricetta suicida seguita dai governi italiani

L’analisi dei conti economici evidenzia un’Italia che arranca e non riesce a tenere il passo degli altri partner europei. La crescita di 0,9% del Pil per il 2016, a confronto con il +1,7% dell’Eurozona, è poca cosa se si tiene conto delle condizioni esterne favorevoli che hanno caratterizzato l’anno appena trascorso (prezzo del petrolio, cambio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.