In carcere l’hacker che “salvò il mondo”

Marcus Hutchins - A maggio fermò WannaCry, l’Fbi lo ha arrestato
In carcere l’hacker che “salvò il mondo”

L’ “eroe informatico”, benché “casuale” per sua stessa ammissione, quello che poco più di due mesi fa seppe bloccare WannaCry un meccanismo virale che attaccò centinaia di migliaia di sistemi informatici, anche in Italia, ricevendo parole di gratitudine perfino dalla premier britannica Theresa May, è agli arresti negli Stati Uniti, e rischia 40 anni di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.