Il riformismo islamico da fermare con il terrore

I fondamentalisti non accettano le nuove leggi su blasfemia e protezione delle donne e reagiscono con le bombe

Il massacro di cristiani in un parco pubblico di Lahore è l’apice di una furibonda offensiva dell’estremismo islamico in Pakistan: e anche la prova che quel fondamentalismo teme di perdere la straordinaria influenza fin qui esercitata grazie alla timidezza della politica e alla protezione dei militari. I forsennati sono all’attacco ovunque. Nella capitale, Islamabad, assediano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.