Dopo la Pasqua di sangue, per il Pakistan è stata una Pasquetta di indagini, decine di presunti terroristi arrestati e proteste dei gruppi islamici contro il governo. Domenica scorsa un kamikaze ventottenne di nome Yousuf si è fatto esplodere in un parco di Lahore (nella regione del Punjab), causando la morte di 72 persone e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Salvini non sfonda: per vincere alle urne il terrore non basta

prev
Articolo Successivo

Il riformismo islamico da fermare con il terrore

next