Il massacro di cristiani in un parco pubblico di Lahore è l’apice di una furibonda offensiva dell’estremismo islamico in Pakistan: e anche la prova che quel fondamentalismo teme di perdere la straordinaria influenza fin qui esercitata grazie alla timidezza della politica e alla protezione dei militari. I forsennati sono all’attacco ovunque. Nella capitale, Islamabad, assediano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il kamikaze in mezzo ai bambini

prev
Articolo Successivo

Dimenticate Chapo, il boss dei narcos si chiama El Mencho

next