» Cronaca
domenica 12/08/2018

Eni, l’avvocato Amara: “Così ho scritto il fascicolo d’indagine del pm sul falso complotto per far cadere Descalzi”

Sabotare il processo a Milano - La finta congiura contro l'ad dell'azienda del cane a sei zampe è stata costruita da lui dall'ex legale del colosso petrolifero: denunce anonime a Trani e poi la regia della seconda inchiesta a Siracusa

L’avvocato dell’Eni Piero Amara era in grado di istruire un fascicolo, d’impartire direttive per le indagini, di scrivere verbali di interrogatorio per testimoni farlocchi. E tutto questo poteva accadere perché esisteva il “metodo Siracusa”. “A Siracusa esiste un metodo”, dice ai pm l’avvocato Giuseppe Calafiore, imputato con Amara di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari. “È il metodo Siracusa – continua – nel senso che chiunque vuole, e gli avvocati lo fanno, scegliersi un pubblico ministero piuttosto che un altro, sostanzialmente fa la denuncia nella fase del turno e ha una percentuale molto alta che quella denuncia vada a quel pubblico ministero…”. “Sostanzialmente – ribatte la pm Antonella Fradà – la denuncia viene presentata quel determinato giorno perché c’era il dottore Longo…”. E in effetti, il fascicolo su un fantomatico complotto per far cadere l’amministratore delegato dell’Eni, Claudio Descalzi, contestualmente imputato a Milano per la maxi tangente pagata in Nigeria nell’acquisto del giacimento Opl 245, finì proprio nelle mani del pm Giancarlo Longo, anch’egli imputato con Amara e Calafiore. Il Fatto sin dal giugno 2016, quando per la prima volta iniziò a seguire l’inchiesta, ipotizzò che il “complotto” fosse inesistente e che qualcuno avesse voluto pilotare la procura di Siracusa. Il burattinaio del fascicolo – come dimostrano i documenti pubblicati dal mensile S – è venuto allo scoperto.

“Avevo un duplice obiettivo”, confessa l’avvocato dell’Eni Piero Amara. “Ritenevo – continua – che fosse vera la manovra finalizzata sia a colpire i vertici della società, che i vertici dell’ufficio legale, con cui io lavoravo. È l’ufficio legale che assegna, che individua gli avvocati e così via, e la gestione di questa vicenda mi ha ulteriormente rafforzato… Quindi l’obiettivo era uno, dal mio punto di vista reale, perché le informazioni ricevute da Armanna (Vincenzo, ndr) mi avevano spinto ad andare oltre il seminato con l’esposto anonimo e così via”.

Vincenzo Armanna è imputato a Milano per la maxi tangente in Nigeria: “È un ex dirigente Eni”, spiega Amara alla pm, “che poi diventò teste di accusa della Procura di Milano nei confronti dei vertici dell’Eni” per la maxi tangente del blocco petrolifero in Nigeria. Amara nega che il teorema del complotto contro Descalzi fosse connesso al processo milanese. Ma non è certo un caso che sia indagato, con l’ex capo dell’ufficio legale Eni, Massimo Mantovani: l’ipotesi è che il fascicolo nato a Siracusa volesse condizionare proprio l’inchiesta milanese.

“Ero depositario di informazioni che mi provenivano da Armanna – spiega Amara – (…) lui raccontò di questa manovra organizzata da alcuni soggetti per defenestrare Descalzi. I contenuti di queste informazioni furono da me inviati in forma anonima alla Procura di Trani e questa fu l’origine del procedimento di Trani”. E infatti il primo fasicolo – che non trova sviluppi – viene istruito proprio a Trani. “Furono inviati tre esposti a Trani, tutti i tre furono inviati da me”, continua Amara. “Andai una volta a Trani, per preannunciare la visita dei vertici dell’ufficio legale di Eni al Procuratore, anche se poi non partecipai alla riunione, poi ebbi modo di incontrare il dottor Capristo (Carlo Maria, ex procuratore di Trani, ndr) non a Trani ma a Roma, presso la Galleria Sordi, e percepii chiaramente che lui non vedeva sfogo in relazione a questa vicenda”. E così si pensa di far ricominciare tutto a Siracusa con una nuova denuncia. “Speravo – aggiunge Amara – che a un certo punto si potesse trovare il modo che il fascicolo da Trani potesse arrivare a Siracusa”. “Tramite l’avvocato Calafiore”, continua Amara, “informai il dottor Longo che sarebbe stata presentata questa denuncia e vi era l’esigenza che lui trovasse il modo di assegnarsela. Quindi nasce il procedimento che viene incardinato dinanzi a Longo”.

A presentare la denuncia è tale Alessandro Ferraro, imprenditore che denuncia di essere stato sequestrato perché in possesso di documenti scottanti: “Ferraro presentò la denuncia poi convinse Gaboardi di riferire ciò che sapeva”. Massimo Gaboardi è un tecnico petrolifero che riferirà l’esistenza del (finto) complotto per far cadere Descalzi. Amara scrive, in anticipo, la versione che Gaboardi deve rendere in procura e il pm Longo la copia direttamente sul suo computer: “Le Sit furono di fatto scritte da me, poi consegnate, mi pare il giorno prima dell’assunzione di sommarie informazioni testimoniali. Ho consegnato questa pen drive a Calafiore, che andò in Procura e ci fu una riunione in cui c’erano: Longo, Gaboradi e Calafiore”. Non solo. È Amara che decide chi deve essere interrogato e quali documenti acquisire. E fa in modo che venga interrogata – poi sarà anche indagata – la consigliera indipendente dell’Eni Karina Litwak: “Sono intervenuto chiedendo, tramite Calafiore a Longo, di assumere a sommarie informazioni la Litvack. Il signor Andrea Bacci, che poi doveva essere una persona informata sui fatti. Suggerii delle acquisizioni documentali presso la società (l’Eni, ndr)…”.

Amara continua a sostenere che l’ipotesi del complotto non fosse completamente campata in aria. Riferisce d’aver assistito alla conversazione tra Andrea Bacci (imprenditore all’epoca molto vicino all’ex premier Renzi) e l’iraniano Radouan Katwani per spingere sulla nomina in Eni del manager Umberto Vergine. Interpellato dal Fatto, Katwani ha sempre smentito.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Agli Spedali Civili

Allarme a Brescia, neonato muore a causa di un batterio

C’è un batterio il ‘serratia marcescens’, all’origine della morte del neonato avvenuta agli Spedali Civile di Brescia. Il bambino, deceduto martedì, era ricoverato nel reparto di patologia neonatale insieme al gemellino, colpito dalla stessa infezione con altri sette o 8 neonati, come riporta il Giornale di Brescia.

Le condizioni degli altri piccoli, ricoverati in terapia intensiva, sarebbero stabili. Sull’accaduto la Procura ha aperto un fascicolo contro ignoti e i carabinieri del Nas hanno acquisito la documentazione sul decesso del piccolo, ma al momento non risultano indagati.

“Attualmente, dei dieci neonati positivi per Serratia, 6 sono ancora degenti. E dei restanti 27 degenti risultati negativi allo screening 10 sono stati dimessi e 17 sono ancora ricoverati”, si legge in una nota dell’azienda ospedaliera in cui viene ricostruita la vicenda. “Nelle prossime settimane la situazione continuerà ad essere mantenuta sotto stretta osservazione e l’accettazione del reparto continuerà a rimanere chiusa, così da poter progressivamente liberare gli ambienti di degenza e procedere ad una loro ulteriore radicale bonifica”, continua la nota.

Cronaca
Nel Mantovano

Ragazzo di 14 anni travolto e ucciso da una panchina

Da tempo alcuni politici locali ne segnalavano la pericolosità, ma nulla era cambiato. Fino a quando venerdì sera quell’installazione artistica in acciaio ha causato la morte di un ragazzino di 14 anni. È successo a Castel d’Ario, in provincia di Mantova. L’opera è una panchina che funge da arredo urbano, e che per i ragazzini del posto era diventata un gioco, dato che poteva roteare su se stessa. Questa giostra improvvisata si è trasformata ieri sera in una trappola mortale per Matteo Pedrazzoli. A tradirlo è stato proprio quel movimento rotatorio. Poco dopo le 23 di venerdì, una delle due panchine girevoli, sotto le sollecitazioni dei ragazzini, si è staccata dal cilindro che fungeva da piedistallo ed è caduta addosso a Matteo schiacciandolo, mentre i coetanei sono riusciti miracolosamente a scansarsi. Le loro grida hanno attirato l’attenzione dei partecipanti a una festa vicina, i quali si sono precipitati sul luogo del disastro. Per Matteo non c’era più nulla da fare. Subito si sono scatenate le polemiche sull’insicurezza di quel luogo. La Lega, all’opposizione assieme al Pd della lista civica guidata dal sindaco Daniela Castro, già tempo fa aveva denunciato la pericolosità di quelle installazioni artistiche.

Cronaca

Il caporalato che non sospetti

Cronaca

“Una talpa vendeva informazioni all’avvocato Amara”

Torrente in piena fa strage: 9 morti nel parco del Pollino
Cronaca
Calabria

Torrente in piena fa strage: 9 morti nel parco del Pollino

di
Diciotti, passa la linea Salvini. Ora la Procura ipotizza abusi
Cronaca
Migranti

Diciotti, passa la linea Salvini. Ora la Procura ipotizza abusi

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×