Il governo lo copre di soldi, il Cinema dice subito “Sì”

Dalla legge all’appello - Franceschini ha aumentato del 60% i fondi per il grande schermo, i top player firmano la lettera pro riforma
Il governo lo copre di soldi, il Cinema dice subito “Sì”

Alla fine è arrivato l’appello con cui decine di big del cinema italiano hanno annunciato il loro Sì al referendum costituzionale. Ma la corrispondenza d’amorosi sensi tra Matteo Renzi e il grande schermo andava avanti da mesi. Precisamente dal 28 gennaio 2016, quando il premier e il ministro del Mibact Franceschini hanno aperto le porte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.