Il flop dell’anagrafe nazionale che costa 23milioni di euro

Il team per la trasformazione digitale di Diego Piacentini annuncia di accelerare sul database di tutti gli italiani. Finora, attivi solo 11 comuni su 8mila
Il flop dell’anagrafe nazionale che costa 23milioni  di euro

La conclusione era prevista per il 2014. Poi per la fine del 2016: una banca dati nazionale che raccogliesse tutte le informazioni anagrafiche dei cittadini (Anpr) custodite dagli 8mila comuni italiani e che fungesse da humus digitale per tutti i servizi della pubblica amministrazione. E invece, ad agosto del 2017, i comuni che hanno aderito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.